Brembo

In questa pagina trovi la quotazione del titolo Brembo in tempo reale. Il grafico, sempre aggiornato, ti permetterà di seguire l’andamento dell’azione Brembo e di valutare la migliore strategia di trading. Brembo è società italiana operante nel settore della produzione di impianti frenanti per veicoli, con particolare specializzazione nei confronti del settore moto e auto. Oggi l’operatore leader mondiale nel comparto di appartenenza, e i suoi freni sono dispositivi standard su veicoli delle migliori marche di alto livello nel mondo motoristico, garantendo la fruizione di prestazioni di elevata qualità. È altresì uno degli operatori a maggiore tasso di innovazione tecnologica.

È possibile investire in Brembo sia acquistando i suoi titoli azionari sul mercato regolamentato azionario di Borsa Italiana, sia fruendo delle azioni Brembo come asset sottostante delle opzioni binarie, dei contratti per differenza e di altri strumenti finanziari derivati.

Informazioni principali 

  • Nome: Brembo
  • Codice ISIN: IT0001050910
  • Sede: Via Brembo, 25 – 24035 – Curno
  • Partita IVA e Codice Fiscale: 00222620163
  • Fondazione: 1961
  • Sito web: brembo.com
  • Figure chiave: Emilio Bombassei (fondatore), Alberto Bombassei (presidente)
  • Principali azionisti: Alberto Bombassei (56,51%)
  • Fatturato: 2,073 miliardi di euro (2015)
  • Risultato operativo: 359 milioni di euro (2015)
  • Utile netto: 183 milioni di euro (2015)
  • Dipendenti: 9.000
  • Azioni emesse: 66,7 milioni
  • Capitalizzazione: 4,589 miliardi di euro
  • Numero azioni scambiate al giorno: 165 mila
  • Volatilità: 15%

Profilo Brembo

 Brembo è il più importante operatore mondiale nel settore della produzione degli impianti frenanti a disco per veicoli. Grazie all’elevata qualità delle proprie produzioni e a un elevato tasso di innovazione tecnologica, oggi i freni Brembo sono presenti sui veicoli dei costruttori più noti e prestigiosi a livello mondiale. Sempre in virtù delle elevate prestazioni che Brembo può ben vantare senza timore di paragoni, la società è altresì leader nel mondo sportivo, avendo contribuito a vincere più di 300 mondiali.

FAI TRADING CON LE AZIONI BREMBO: >>> CLICCA QUI <<<

L’azienda opera in Italia e in altri 15 Paesi: della sua platea di circa 9.000 dipendenti, ben il 10% è rappresentato da ingegneri e specialisti di prodotto che, quotidianamente, lavorano allo sviluppo delle migliori soluzioni innovative, alimentando percorsi di ricerca di eccellenza in nuove tecnologie, nuovi materiali, nuove forme.

Una storia di successo italiano, partita da lontano: gli albori societari sono infatti dei primi anni ’60, con l’apertura di una piccola officina di carattere familiare.

Previsioni di borsa

Brembo ha chiuso il 2016 con altri risultati record, oltre le attese degli analisti e oltre il consenso di mercato. In particolare, grazie a un EBITDA del 18,8% nel quarto trimestre, l’EBITDA per l’intero esercizio 2016 si è portato al 19,5%. I ricavi sono saliti a quota 2,279 miliardi di euro, mentre il profitto per l’intero anno è ora pari a 240 milioni di euro, il 4% in più del consenso di mercato).

Leggi anche:

Peraltro, durante la conferenza stampa con la quale il management societario ha elaborato i dati di cui sopra, Brembo ha espresso anche un cauto ottimismo per quanto concerne il 2017, un esercizio che dovrebbe essere contraddistinto per una crescita dei ricavi tra il 5% e il 6% alla fine del 2017, supportato da un buon risultato nel mercato auto europeo e in quello cinese, dove Brembo ritiene di poter raddoppiare i propri ricavi in soli due anni, aggiungendo così circa 200 milioni di euro di fatturato addizionale alle proprie stime.

L’EBITDA previsto per il 2017 è confermato tra il 18% e il 19%, apparendo – a detta di alcuni dei principali analisti – anche piuttosto prudente, e probabilmente determinato dalla saturazione di alcuni impianti e dal fatto che l’operazione di acquisizione del gruppo cinese Asimco non sarà in grado di produrre ancora dei margini in linea con quelli medi societari.

Quotazioni Azioni in tempo reale

Le quotazioni delle azioni Brembo continuano ad essere protagoniste di un trend di forte crescita che, salvo brevi parentesi di flessione, dura da tanti anni conferendo la giusta soddisfazione agli azionisti.

Per averne consapevolezza, ci si può limitare a tenere in considerazione che appena cinque anni fa, di questi tempi, le azioni societarie faticavano a superare una quotazione di 8 euro, mentre oggi la quotazione del titolo ha messo nel mirino quota 70 euro: una crescita straordinaria, che ha permesso agli azionisti che hanno puntato sul titolo di ottenere evidenti plusvalenze.

Dividendi 

Per il 2016 il consiglio di amministrazione di Brembo ha confermato la volontà di proporre all’assemblea degli azionisti un dividendo ordinario pari a 1 euro. Si tratta anche in questo caso di una proposta che è leggermente superiore alla media di quanto previsto dagli analisti finanziari (0,9 euro), e che sembra altresì essere inserito in una strada di graduale rialzo della remunerazione dei propri azionisti.

Gli analisti finanziari ritengono infatti che nei prossimi anni il dividendo che Brembo pagherà ai partecipanti al capitale aumenterà di circa il 10% a/a. Pertanto, già per il 2017 non ci sorprenderemmo a osservare l’evoluzione del dividendo a quota 1,1 euro per azione.

Conviene investire?

Per i motivi che sopra abbiamo brevemente espresso, Brembo è certamente uno dei cavalli di razza di Borsa Italiana su cui varrebbe la pena effettuare qualche valutazione di investimento. La società sta infatti perseguendo una strada di crescita davvero eccezionale sul fronte della capitalizzazione di mercato, e riteniamo che la sostenibilità di tale trend non sia affatto terminato. Ancora, riteniamo che la solidità del proprio business, la diversificazione geografica e la possibilità di vantare delle relazioni fortissime con un vasto ventaglio di costruttori auto, rappresentino solo alcuni dei punti di forza societari (di un altro abbiamo già detto, la sua fortissima attenzione per la ricerca e per lo sviluppo).

>>> FAI TRADING ONLINE IN DEMO CON PLUS500: CLICCA QUI <<<

Naturalmente, nel far ciò vi consigliamo comunque di ponderare tutte le (tante) buone notizie che Brembo può garantirvi, con qualche fattore di rischio che potrebbe limitare il potenziale di crescita del business societario. Tra i vari, ci limitiamo a ricordare brevemente la crescita dei mercati in cui opera la società al di sotto delle attese, una contribuzione ai ricavi inferiore al previsto per quanto attiene le nuove operazioni, i costi operativi maggiori delle previsioni, il rallentamento del mercato cinese (su cui Brembo sta puntando molto) e i potenziali dazi sulle auto esportate dal Messico agli Stati Uniti.

Come fare trading su Azioni Brembo

Come noto, potete fare trading su azioni Brembo seguendo diverse strategie. Potete infatti ad esempio acquistare i titoli Brembo sui mercati di Borsa, riconducendoli all’interno del vostro portafoglio e godendo così di tutti i benefici economici (e non solo) oppure puntare su una speculazione tendenzialmente di più breve termine, usando le azioni Brembo come sottostante di strumenti finanziari.