Erg

ERG è un gruppo industriale genovese operante nel settore energetico. È attualmente il primo operatore nell’energia eolica italiana e tra i primi dieci in Europa per quanto concerne il comparto on shore. È inoltre proprietario di una centrale a ciclo combinato in Sicilia e, mediante un’operazione di acquisto da EON Produzione, è titolare di un impianto idroelettrico a Terni. Il business produttivo di ERG è principalmente dislocato in Italia, mercato dove dispone della maggior parte dei MW installati. Sono comunque di rilievo le proprie presenze nel mercato francese, tedesco e polacco e, mediante in joint venture, rumeno e bulgaro. Attraverso la joint venture nella Total Erg il gruppo è inoltre presente anche nella distribuzione di carburanti.

Quotato nell’indice FTSE Italia Mid Cap, il titolo ERG è oggi acquistabile in maniera diretta o utilizzabile come asset sottostante dei propri investimenti finanziari derivati, arricchendo in tal modo le opportunità di impiego di tutti i trader interessati.

Informazioni principali

  • Nome: ERG
  • Codice ISIN: IT0001157020
  • Sede: Via De Marini 1 – 16149 – Genova
  • Partita IVA e Codice Fiscale: 10122410151
  • Fondazione: 1938
  • Sito web: erg.eu
  • Figure chiave: Edoardo Garrone (presidente), Luca Bettonte (amministratore delegato)
  • Principali azionisti: San Quirico, riconducibile alla famiglia Garrone – Mondini (56%), Polcevera S.A. (7%)
  • Fatturato: 993 milioni di euro (2016)
  • Risultato operativo: 202 milioni di euro (2016)
  • Utile netto: 107 milioni di euro (2016)
  • Dipendenti: 700
  • Azioni emesse: 150,3 milioni
  • Capitalizzazione: 1,7 miliardi di euro
  • Numero azioni scambiate al giorno: 245 mila
  • Volatilità: 13%

Profilo ERG

Il gruppo ERG rappresenta uno dei protagonisti nel mercato energetico italiano, divenendo uno dei leader nella produzione indipendente di energia elettrica da fonti rinnovabili. Ad oggi, le fonti prevalentemente utilizzate dal gruppo per poter soddisfare il proprio business societario sono riconducibili a quelle c.d. “non programmabili” (eolico, con una presenza crescente e di grande rilievo nel mercato europeo) e “programmabili” (termoelettrico e idroelettrico).

FAI TRADING CON LE AZIONI ERG: >>> CLICCA QUI <<<

Per quanto attiene la struttura del gruppo, la controllata (al 100%) ERG Power Generation Spa si occupa direttamente della gestione degli asset di generazione energetica del gruppo, e della vendita conseguente dell’energia prodotta.

Stando agli ultimi dati societari forniti, ERG produce energia elettrica da fonte eolica per 1.720 MW, con quota prevalente dall’Italia (1.094 MW) e, secondariamente, da Francia (252 MW), Germania (168 MW), Polonia (82 MW), Romania (70 MW) e Bulgaria (54 MW). Dispone altre sì di 48 MW in ultimazione nel mercato del Regno Unito. Per quanto riguarda invece le altre fonti non eoliche, ribadiamo come ERG disponga di un impianto cogenerativo a ciclo combinato alimentato a gas naturale (480 MW) a Priolo, e altri impianti per la produzione di utilities.

Infine, si evidenzia come la società sia tra i principali produttori di energia elettrica da fonte idrica, con una rete di 16 centrali, 7 dighe, 3 serbatoi e una stazione di pompaggio, per complessiva potenza di 527 MW.

ERG ha chiuso il 2016 con risultati piuttosto soddisfacenti, forte di uno sviluppo del 30% a/a del proprio EBITDA, grazie tuttavia al principale elemento determinante il cambiamento dei perimetri di riferimento, il cui più rilevante contributo è arrivato dal consolidamento (avvenuto a novembre 2016) dell’impianto idroelettrico di Terni.

Ad ogni modo, i buoni risultati societari non derivano esclusivamente dalla componente che sopra abbiamo avuto modo di riassumere in brevità. Occorre infatti sottolineare come ERG abbia beneficiato di una ottima prestazione sul proprio core business, l’energia eolica, determinata dalla significativa disponibilità di questa fonte non rinnovabile e della propria ampia capacità. Il net income è così ammontato a 107 milioni di euro, in rialzo dell’11% a/a e oltre le attese dei principali analisti societari.

Per quanto attiene poi il 2017, il consiglio di amministrazione ha già avuto modo di fornire alcune linee guida piuttosto incoraggianti, con EBITDA stimato a 430 milioni di euro, debito netto di circa 1,45 miliardi di euro, generazione di cassa di almeno 200 milioni di euro.

Quotazione in tempo reale

Contraddistinte da una volatilità non molto elevata, le quotazioni delle azioni ERG hanno garantito discrete soddisfazioni agli azionisti che sono entrati in società prima del 2014, e che oggi possono ben celebrare plusvalenze discretamente rilevanti.

Più recentemente, il minimo è stato toccato a dicembre 2014, con valore delle azioni intorno a 8,4 euro, mentre attualmente le azioni ERG si trovano in un canale rialzista che le sta conducendo verso quota 12 euro.

Dividendi 

Il consiglio di amministrazione di ERG ha proposto all’assemblea dei soci un dividendo pari a 50 centesimi di euro per azione, in linea con le attese degli analisti.

Il livello dello stacco 2017 in favore degli azionisti è la metà rispetto a quanto fosse stato proposto lo scorso anno, ma identico a quanto applicato nel 2015 e in linea con una sostenibile crescita dei riconoscimenti nei confronti dei titolari del capitale sociale (il dividendo tra il 2010 e il 2013 fu pari a 40 centesimi di euro per azione).

Conviene investire?

I buoni risultati conseguiti da ERG nel corso del 2016 ispirano agli analisti una discreta fiducia sul futuro a breve-medio termine della compagine.

Tra i principali punti di forza che vogliamo condividere con voi sottolineiamo la buona capacità nella generazione di flussi di cassa, che potrebbero a sua volta essere determinanti per poter alimentare nuove opportunità di crescita o una migliore politica dei dividendi nel corso dell’anno. A proposito di sostenibilità di crescita, non dovrebbe sorprendere un potenziale rallentamento dell’EBITDA nel corso del 2017, con la marginalità che dopo il picco del 2016 potrebbe risultare piatta o addirittura leggermente inferiore, senza per questo pregiudicare le buone opinioni sul percorso tracciato dal management.

>>> FAI TRADING ONLINE IN DEMO CON PLUS500: CLICCA QUI <<<

Attenzione tuttavia ai fattori di rischio, in grado di influenzare negativamente l’evoluzione dei conti societari.  Tra i principali rileviamo il trend dei prezzi energetici e le conseguenze di eventuali operazioni di fusione e acquisizione.

Come fare trading su ERG

In conclusione, ricordiamo che oggi fare trading sulle azioni ERG è davvero molto semplice. Sia che abbiate intenzione di acquistare partecipazioni al capitale sociale ERG, sia che abbiate intenzione di utilizzare le azioni ERG come sottostante dei vostri investimenti derivati, tutto ciò che dovreste fare è scegliere un buon broker serio e affidabile che possa accompagnarvi negli investimenti finanziari, aprire un conto di trading, scaricare la piattaforma di investimento (o usare quelle web o mobili) e aprire la posizione desiderata.