Recordati

Recordati è uno dei più noti gruppi farmaceutici italiani. Fondato negli anni ’20 dello scorso secolo, quotato alla Borsa di Milano dal 1984 (è attualmente presente nel paniere di titoli che compongono l’indice FTSE MIB), si occupa dello sviluppo, della produzione e della commercializzazione di prodotti farmaceutici o di chimica farmaceutica.

Con sede a Milano, dove ha il più importante stabilimento produttivo, la società è attiva in tutti i principali Paesi europei e negli Stati Uniti, con un ritmo di produzione di oltre 50 milioni di confezioni di farmaci l’anno, e con prevalente specializzazione nella manifattura e nel confezionamento di prodotti per uso orale, topico e iniettabile.

Con tale occasione, e prima di procedere nell’approfondimento di alcuni dei principali dati societari, vi ricordiamo che potete facilmente fare del trading sulle azioni Recordati utilizzando tali strumenti come sottostanti dei vostri investimenti con contratti derivati, o provvedendo all’acquisto dei titoli azionari sul mercato spot.

Informazioni principali

  • Nome: Recordati
  • Codice ISIN: IT0003828271
  • Sede: Via M. Civitali, 1 – 20148 – Milano
  • Partita IVA: 00748210150
  • Fondazione: 1926
  • Sito web: www.recordati.it
  • Figure chiave: Alberto Recordati (presidente), Andrea Recordati (vicepresidente e amministratore delegato)
  • Principali azionisti: Fimei Finanziaria Industriale Mobiliare e Immobiliare 51,79%
  • Fatturato: 1,15 miliardi di euro (2016)
  • Risultato operativo: 327 milioni di euro (2016)
  • Utile netto: 237 milioni di euro (2016)
  • Azioni emesse: 209 milioni
  • Capitalizzazione di mercato: 7,4 miliardi di euro
  • Media giornaliera azioni scambiate: 487 mila
  • Volatilità: 15%

Profilo Recordati

Recordati è uno dei più noti e importanti gruppi farmaceutici in Italia e in Europa. La sua struttura operativa è impegnata nelle attività di ricerca, di sviluppo, di produzione e di commercializzazione di prodotti farmaceutici in tutti i principali mercati mondiali. Le sue attività operative, oltre che in Italia (dove mantiene il quartier generale e il più importante sito produttivo a Milano), sono diffuse anche in Russia, in diversi Paesi del Centro e dell’Est Europa, in Turchia, in Nord Africa, negli Stati Uniti d’America, in alcune nazioni sudamericane.

FAI TRADING CON LE AZIONI RECORDATI: >>> CLICCA QUI <<<

Nel suo modello di business è altresì evidente un network diffuso di esperti informatori scientifici del farmaco, in grado di promuovere una vasta gamma di farmaci innovativi, sia originali che su licenza, appartenenti a diverse aree terapeutiche (tra cui rilevano diverse attività nel settore della ricerca e della cura delle malattie rare e per l’area genito-urinaria).

Previsioni azioni Recordati

Recordati ha recentemente comunicato di aver chiuso il 2016 con ricavi per oltre 1,15 miliardi di euro, in sviluppo del 10% rispetto al fatturato di 1,05 miliardi di euro con cui era andato in archivio l’esercizio precedente. I ricavi internazionali sono cresciuti di buon ritmo, pur con una percentuale inferiore alla media (+ 9,6% a/a). Contemporaneamente, il risultato operativo è cresciuto del 17,6% a/a a 327,4 milioni di euro, con una marginalità operativa del 28,4%. L’utile netto è infine stato pari a 237,41 milioni di euro, in incremento del 19,4% rispetto ai 198,78 milioni di euro con cui era stato concluso l’esercizio precedente.

Per quanto attiene gli altri dati di maggiore rilievo del 2016, ricordiamo come l’indebitamento netto della società farmaceutica sia salito a quota 198,8 milioni di euro, in aumento rispetto agli 88,7 milioni di euro di inizio anno: lo sviluppo dei debiti sembra essere principalmente ricollegabile al soddisfacimento del fabbisogno sorto per poter portare a completamento le operazioni di acquisizione societaria di Italchimici e Pro Farma, e a pagamento il saldo del dividendo sul 2015.

Per quanto concerne il futuro, il top management societario ha confermato i target finanziari che erano già stati elaborati all’interno del piano industriale triennale, puntando a conseguire 1,22 miliardi di euro nel 2017, un utile operativo di 365 milioni di euro e un utile netto di 260 milioni di euro.

Quotazioni Recordati

Le azioni Recordati si trovano all’interno di un forte trend crescente che – al momento in cui scriviamo (maggio 2017) – ha permesso alle quotazioni del titolo di superare quota 35 euro. La strada di crescita della capitalizzazione societaria è stata pressoché continua, fatta eccezione per alcune ristrette parentesi decrescenti che non hanno certamente oscurato l’ottimo sviluppo che si è registrato in questi anni.

Al fine di completare un rapido confronto, sia sufficiente ricordare come cinque anni fa, di questi tempi, le quotazioni delle azioni Recordati fossero di poco superiori ai 5 euro…

Dividendi Azioni Recordati

Recordati è contraddistinta per una politica piuttosto generosa per quanto concerne i dividendi corrisposti ai propri azionisti. Nel corso degli ultimi anni vi sono sempre stati due stacchi di cedole (semestrali) con importi in continua crescita, e anche l’ultimo esercizio non sembra essere da meno in questa strada di sviluppo che non può che rappresentare una buona opportunità di rendimento per chi partecipa al suo capitale sociale.

Alla luce dei risultati 2016 la società ha così proposto all’assemblea di distribuire dividendi per 35 centesimi di euro per azione, che si aggiungono agli altri 35 centesimi di euro pagati a titolo di acconto nella seconda metà del 2016.

Conviene investire in Recordati

L’investimento in azioni Recordati è sicuramente stata una scelta di successo per chi, nel corso degli ultimi anni, ha conferito il giusto livello di fiducia nella società. Come abbiamo avuto modo di vedere analizzando le quotazioni delle azioni aziendali, infatti, l’incremento della capitalizzazione è stato davvero notevole, e non è affatto detto che il trend crescente sia oramai giunto ad esaurimento.

>>> FAI TRADING ONLINE IN DEMO CON PLUS500: CLICCA QUI <<<

In tal senso, riteniamo che gli obiettivi che il consiglio di amministrazione ha posto per i prossimi anni siano ben raggiungibili, e che pertanto al termine del piano industriale 2017-2019 la società sia realmente in grado di rispettare i target di 1,45 miliardi di euro di fatturato, di 450 milioni di euro di risultato operativo e di 325 milioni di euro di utile netto.

Il posizionamento di Recordati all’interno del comparto chimico – farmaceutico, una discreta diversificazione dei propri business internazionali e i costanti sforzi in ricerca, ci fanno propendere per una discreta positività nell’analisi dell’investimento in azioni Recordati.

Come fare trading su Recordati

Come per tutte le azioni protagoniste dei nostri periodici focus, vi rammentiamo anche in questo caso che potete fare trading sulle azioni Recordati attraverso i servizi di investimento di qualsiasi broker, utilizzando le piattaforme dell’operatore per poter aprire contratti derivati (utilizzando così le azioni Recordati come sottostante) o valutare l’acquisto sul mercato spot delle azioni societarie.