Tod’s

Tod’s è una nota azienda italiana specializzata nelle attività di produzione di calzature e di accessori di lusso. Riconducibile alla famiglia Della Valle, l’azienda è stata fondata agli inizi dello scorso secolo da Filippo Della Valle, nonno degli attuali proprietari (Andrea e Diego Della Valle), ed è stata protagonista di un lungo percorso di espansione e di accrescimento commerciale internazionale, senza tuttavia perdere di vista il sapore artigianale e l’elevata qualità che ha dall’origine e fino ad oggi contraddistinto la produzione societaria.

Oggi il gruppo ha sede in provincia di Fermo ed è presente in tutti i principali mercati mondiali con la rete di distribuzione. Vanta inoltre 9 stabilimenti (7 per le calzature e 2 per la pelletteria) e gestisce un brand di noti marchi come l’omonimo Tod’s, Hogan e Roger Viver. È presente altresì nel settore dell’abbigliamento con il marchio Fay e, più recentemente, con quello della stilistica italiana Schiaparelli.

Tod’s è società quotata in Borsa Italiana, ed è parte integrante del paniere di titoli dell’indice FTSE MIB.

Informazioni principali

  • Nome: Tod’s
  • Codice ISIN: IT0003007728
  • Sede: Via Filippo Della Valle, 1 – 63019 – Sant’Elpidio al mare (FM)
  • Fondazione: primi anni ‘900
  • Codice fiscale / Partita Iva: 01113570442
  • Sito web: www.tods.com
  • Figure chiave: Diego Della Valle (Presidente e amministratore delegato), Andrea Della Valle (Vice presidente e amministratore delegato)
  • Principali azionisti: Famiglia della Valle (61,5%)
  • Fatturato: 1 miliardo di euro (2016)
  • Risultato operativo: 181 milioni di euro (2016)
  • Utile netto: 86 milioni di euro (2016)
  • Dipendenti: 3.500
  • Azioni emesse: 33 milioni
  • Capitalizzazione di mercato: 1,9 miliardi di euro
  • Media giornaliera azioni scambiate: 113 mila
  • Volatilità: 26%

Profilo Tod’s

Tod’s è una delle eccellenze italiane nel campo della pelletteria e delle calzature. La sua storia – come abbiamo anticipato qualche paragrafo fa – ha inizio nei primi anni del ‘900, quando il nonno dell’attuale generazione alla guida dell’azienda, Filippo Della Valle, sceglie di avviare una piccola fabbrica di scarpe.

Il passaggio da piccola azienda familiare a azienda industriale di notorietà internazionale avviene solamente negli anni ’70 dello scorso secolo, con l’ingresso in azienda di Diego Della Valle, e con l’avvio di un processo di sviluppo delle attività aziendali.

Oggi Tod’s è la holding operativa di un gruppo ben strutturato, che può collocarsi tra i principali operatori nel settore dei beni di lusso con marchi come l’omonimo Tod’s, Hogan, Fay, Roger Vivier. Una diversificazione di brand che non ha posto in secondo piano un unico tratto distintivo: la ricerca del giusto mix tra la tradizione e la modernità, l’alta qualità e l’utilizzabilità di ogni prodotto in vendita.

A proposito di qualità, si tenga conto come – nonostante l’imponente sviluppo dei volumi produttivi – Tod’s non abbia mai voluto rinunciare alla propria identità, confermando pertanto la principale componente manuale del proprio processo produttivo: ogni prodotto è infatti eseguito a mano, divenendo oggetto esclusivo, riconoscibile, durevole nel tempo.

Previsioni azioni Tod’s

Tod’s ha annunciato di aver chiuso il bilancio d’esercizio 2016 con un livello di fatturato pari a 1 miliardo di euro, in calo del 3,2% a/a (ex 1,04 miliardi di euro). A tassi di cambio invariati, invece, la flessione del fatturato sarebbe stata lievemente superiore, e pari al 3,8%. Per quanto concerne le principali determinanti sottostanti alla flessione del giro d’affari, rileviamo come il business sia stato penalizzato soprattutto dalla diminuzione delle vendite nei mercati statunitensi e cinesi.

A causa della contrazione del valore della produzione, è diminuito altresì il margine operativo lordo, ora pari a 180,91 milioni di euro, contro i precedenti 202,62 milioni di euro. A peggiorare è anche l’utile netto, pari a 86,29 milioni di euro, contro i precedenti 92,74 milioni di euro.

Per quanto attiene la posizione finanziaria, il dato alla fine del 2016 era negativo per 35,4 milioni di euro. gli investimenti in capitale fisso sono stati pari a circa 35 milioni di euro.

Quotazioni Tod’s

Le azioni Tod’s, al momento in cui scriviamo (giugno 2017) quotano intorno a 60 euro. Si tratta di un valore ben distante dal picco di oltre 140 euro che era stato raggiunto nel corso dell’estate 2013, e che pone i titoli societari all’interno di un trend decrescente di lungo termine.

A causa di un ritracciamento iniziato nella primavera, le azioni Tod’s quotano altresì vicino ai minimi dell’anno, pari a 58,15 euro.

Dividendi Azioni Tod’s

Alla luce dei risultati conseguiti nel corso del 2016, il consiglio di amministrazione di Tod’s ha proposto all’assemblea degli azionisti la distribuzione di un dividendo 2017 pari a 1,7 euro per azione.

Il valore del dividendo Tod’s 2017 è inferiore a quanto riconosciuto agli azionisti nel corso degli anni precedenti, e superiore solamente al livello del 2009, quando la cedola fu pari a 1,25 euro.

Nel 2016 la cedola corrisposta agli azionisti fu invece pari a 2 euro, esattamente come nell’anno precedente (nel 2013 e nel 2014 il livello del dividendo Tod’s fu invece pari a 2,70 euro per azione).

Conviene investire in Tod’s

Il top management di Tod’s, commentando i recenti dati 2016, ha dichiarato di prevedere un miglioramento della redditività per l’esercizio in corso, forte delle approvate misure di efficientamento dei costi avviate lo scorso anno, e proseguite in questi trimestri.

A nostro giudizio, ferma restando un’opinione tiepidamente positiva sull’evoluzione delle quotazioni delle azioni Tod’s nel medio termine, è tuttavia opportuno tenere nella debita considerazione i potenziali rischi cui il business della società italiana è sottoposto nel presente e nel prossimo futuro, e che potrebbero condizionare in modo rilevante i risultati aziendali.

Tra i principali, ci limitiamo a porre in essere un rapido cenno sulla possibile contrazione dei consumi europei dei prodotti societari (il vecchio Continente è uno dei fondamentali mercati di riferimento per i business societari), e il fatto che alcuni eventi esterni possano limitare i flussi turistici in giro per il mondo. Ancora, non è escluso che alcuni brand (come quello Roger Vivier) possano perdere parte del loro appeal, pregiudicando così la tenuta delle vendite commerciali.

Come fare trading su Tod’s

Come per le altre azioni quotate all’indice FTSE MIB di Borsa Italiana, vi ricordiamo che potete fare trading su Tod’s acquistando i titoli azionari della società o utilizzandoli come sottostante per i vostri contratti per differenza, opzioni binarie o altri strumenti derivati.