Criptovalute: cosa sono e come funzionano

Criptovaluta questa sconosciuta. Forse per i più, ma non per alcuni che ne hanno fatto una fonte di guadagno in mezzo alle altre. Ma quello che intendiamo raccontare, in maniera sintetica, attraverso questo articolo è  la storia e l’evoluzione della criptovaluta. Non senza prima aver però dato delle indicazioni di massima a chi si affaccia per la prima volta su questo mondo virtuale dalle molteplici possibilità. Continua la lettura di “Criptovalute: cosa sono e come funzionano”

Trading online con piccole somme: consigli per iniziare

C’è stato un tempo in cui non esisteva internet e quindi non esisteva nemmeno il trading online. Le operazioni finanziarie erano appannaggio di pochi investitori che si facevano chiamare “operatori di borsa”, poi col tempo tutto questo è cambiato e i primi passi si sono avuto nel 1992 con l’avvento della rete e la diffusione dei computer.

Grazie a internet il trading si è spostato online e quindi tutte le grandi contrattazioni che un tempo si svolgevano soltanto in borsa, sono diventate telematiche ed istantanee. Ma non soltanto ci sono stati fin da subito vantaggi in termini di precisione e velocità: il trading è diventato molto meno costoso e molto più accessibile anche a chi ha un capitale minimo da investire.

Oggi in questo guida vogliamo parlare proprio del trading online con piccole somme, una realtà in grande espansione che piace sempre di più a tutti coloro che non dispongono di chi sa quali cifre da investire, ma vogliono comunque cimentarsi in questo mondo complesso dalle grandi possibilità.

I vantaggi di investire piccole somme

Investire una piccola somma oggi è diventata una concreta possibilità di profitto. Non sono più necessari capitali da migliaia di euro per cavare il proverbiale ragno dal buco. Con gli strumenti digitali di cui si dispone anche 100 euro possono diventare un capitale sufficiente a fare guadagni giornalieri di tutto rispetto e poi, si sa, al crescere del capitale iniziale cresceranno anche le opportunità.

Per investire piccole somme oggi il trading online può essere davvero la soluzione migliore. Le strategie più utilizzate in questo momento prevedono un trading di medio o breve termine che sfrutta i movimenti repentini di mercato per portare a casa profitti consistenti. Ma vediamo come si può iniziare a fare trading con una piccola somma di denaro.

trading-online-piccole-somme

Da dove iniziare se hai poco denaro?

Allora, il primo consiglio è quello di fare la massima attenzione. Non è assolutamente vero che con piccole somme di denaro si possa diventare ricchi da un giorno all’altro facendo trading online. Per riuscirci serve molta più pazienza e dedizione di quella che mostrano le pubblicità sul trading, eppure è del tutto possibile fare di questa attività una fonte di guadagno costante, ma solo nel tempo.

Una buona idea per far fruttare una piccola somma è quella di depositarla sul conto di una delle piattaforme di broker affidabili presenti online. La cosa più importante è accertarsi di fare trading con uno dei broker con la migliore piattaforma e buoni strumenti di investimento. Quali sono i passi da seguire per aprire un conto e investire la propria piccola somma?

  1. La prima cosa da fare è scegliere un broker con un deposito minimo vicino alle proprie esigenze. A quanto ammonta il tuo capitale di trading, a 1000 euro? A 100 euro? I diversi broker che sono online hanno soglie di entrata sempre diverse che devi scoprire.
  2. Il secondo passo dopo aver scelto un broker è quello di analizzare quanto ti costa fare trading sulla sua piattaforma. Alcuni broker infatti richiedono commissioni e spread, altri invece no e permettono di operare quasi gratis.
  3. Una volta effettuata l’iscrizione e il deposito minimo devi fare pratica sulla piattaforma e capire come si investe e quali asset sono più convenienti. Noi consigliamo sempre per chi è ai primi passi di muoversi sull’euro dollaro.

Considerazioni finali

Iniziare è semplicissimo perchè una volta fatto il deposito della tua piccola somma puoi già fare investimenti, la chiave è sapere come, perchè e quando investire per ottenere i migliori risultati.

Il nostro consiglio è quello di usare la massima prudenza negli investimenti e utilizzare tutti i dispositivi di sicurezza messi a disposizione dalle piattaforme dei broker al fine di limitare le perdite sul tuo capitale. La cosa più intelligente da fare è limitare l’utilizzo della leva finanziaria.

Fare trading con 5 euro: è possibile?

Chi si interessa di trading in borsa sa che non è un’impresa semplice riuscire ad investire con poco denaro. Fare trading con 5 euro significa davvero poter contare su un capitale di investimento irrisorio che si può perdere nel giro di pochi minuti di attività sui mercati finanziari.

Eppure oggi non mancano di certo le piattaforme di trading online che offrono accesso al trading anche a chi ha solo pochi gettoni da giocare. Basta scegliere bene l’ambiente in cui operare e il broker giusto, per realizzare il proprio piccolo sogno di diventare trader con un capitale davvero molto basso.

Crearsi una rendita con 5 euro: si può fare?

La risposta a questa domanda nella maggior parte dei casi è no! Fare trading online con 5 euro significa disporre di un capitale di investimento troppo basso per avere libertà di manovra. Con una simile somma non si ha alcun margine di errore e bisognerebbe sperare che il vento del mercato soffi sempre a proprio favore per riuscire a ottenere qualche risultato.

Forse solo i grandi professionisti del trading hanno qualche speranza di riuscire a racimolare qualche euro investendo solo 5 euro. C’è bisogno di grande maestria per far crescere un simile capitale e le abilità giuste non possono certo arrivare da un giorno all’altro, ma solo dopo anni di studio e dedizione.

Se cerchi una soluzione per investire i tuoi 5€ il trading online può essere una soluzione interessante, ma il nostro consiglio è quello di riuscire a mettere da parte una somma più grande per iniziare un’attività di investimento. Se hai solo 5 euro e per di più ti manca una buona esperienza nel campo del trading in pratica è come se avessi acquistato un gratta e vinci:

  • puoi anche avere un colpo di fortuna e riuscire a far crescere quella piccola somma iniziale per un po’, ma il denaro che guadagni non ti cambierebbe certo la vita.
  • nella maggior parte dei casi il tuo “biglietto” risulterà semplicemente perdente e quindi la tua esperienza nel trading potrebbe non darti alcuna soddisfazione, ti ritroveresti solo con 5 euro in meno in tasca.

fare trading con 5 euro

I broker per investire 5€ esistono?

Fare trading online con 5 euro è possibile se conosci il broker giusto per operare. Ad oggi online ce n’è uno solo che garantisce la possibilità di cominciare a fare trading a partire da una somma minuscola ed è Iq Option.

Con Iq Option il broker ti permette di entrare nella piattaforma e fare il tuo primo deposito con una somma davvero molto bassa, ovvero soli 10€. In realtà, dunque, non esiste broker che ti permetta di iscriverti ed investire con meno di 10€, anzi la maggior parte di essi richiede almeno 100 euro di deposito iniziale.

La possibilità offerta da Iq Option è molto interessante per diverse ragioni. Se non hai soldi da investire, ma vuoi comunque provare a fare trading online, iniziare da 10€ può essere la soluzione giusta, con un simile capitale in fin dei conti ti viene comunque offerta la possibilità di capire cosa significa fare trading su una delle migliori piattaforme per il trading online e non è cosa da poco.

Se non hai idea di come funziona il trading o le piattaforme e come inviare ordini a mercato con 10€ hai l’opportunità di sperimentare tutto questo senza mettere a rischio capitali più grandi. Per di più se dovessi perdere questa piccola somma ormai sei cliente di Iq Option e il broker si dimostra sempre contento di venire incontro ai suoi clienti che desiderano imparare offrendo loro un conto dimostrativo.

Trading online pro e contro: quali sono? Ecco i rischi e le opportunità

Anni di pubblicità perversa e sbagliata hanno caricato il settore del trading online di una enorme aspettativa da parte di chi non lo conosce ma vorrebbe entrare a farne parte. A contribuire alla creazione del mito del trading ci sono anche tanti film hollywoodiani che esaltano la figura del “broker” e dei suoi guadagni milionari.

Per tutte queste motivazioni in Italia e all’estero si tende ad avere una visione idealizzata della vita del trader, degli investimenti e della borsa in generale. Ma essere in questo settore e vivere di trading non ha solo aspetti positivi e affascinanti, ha anche i suoi contro.

Chi conosce davvero il settore del trading online e vive questa attività come un qualcosa di professionale sa bene sia quali sono i pro sia i contro di tale occupazione in grado di sottoporre gli operatori a forti stress, ma anche a grandi soddisfazioni se si dimostrano in grado di mantenere l’equilibrio in tutte le decisioni che prendono.

pro e contro del trading online

Il trading ti interessa fino in fondo?

La domanda da porti è la seguente: fino a che punto ti interessa il trading online? La soglia che stabilisci in base alla risposta a questa domanda potrà schiarirti le idee e ti permetterà di godere pienamente degli aspetti positivi di questa attività, mentre sarai più in grado di accettare e gestire anche gli aspetti meno positivi. Gli investimenti in borsa in questo senso rappresentano una vera e propria sfida, qualcosa che devi conoscere per evitare di prendere decisioni sbagliate.

Elenchiamo qui i pro del trading online

Non sono pochi i vantaggi e gli aspetti decisamente positivi dell’attività di trading online. Ecco quali sono i principali nel seguente elenco:

  • Investire è il miglior modo per guadagnare: quello che sfugge alla maggior parte delle persone che vivono disagio finanziario è il fatto che per vivere una vita più agiata dovrebbero trovare un modo per “fare soldi con i soldi”. Certo questo frase potrà suonare un po’ come un cliché, ma se i soldi vengono fatti semplicemente ristagnare su un conto in banca difficilmente potranno fruttare qualcosa e portare reale beneficio a chi li possiede.
  • Investimento a costo basso: tutte le attività di investimento hanno costi vivi importanti, anche il trading online ha dei costi da sostenere ma sono minimi rispetto a quelli di altre attività. Le commissioni del settore trading, chiamate Spread, vengono mantenute davvero basse dai broker e questo significa che per ogni operazione finanziaria che si compie la spesa può ammontare da pochi centesimi di euro a qualche euro.
  • Trading a leva finanziaria: abbiamo menzionato il fatto che puoi fare trading e aspirare a grandi guadagni facendo investimenti, ma come è possibile ottenere grossi risultati partendo da capitali piccoli? Grazie alla leva finanziaria puoi moltiplicare il tuo capitale anche di 100 volte e la stessa cifra si applicherà anche ai tuoi profitti.

Per di più il trading offre un vantaggio “passivo” non indifferente. Facciamo riferimento alla possibilità di guadagnare senza vincoli di orario e di sede. Se fai trading il tuo ufficio può essere casa tua, un bar, o il parco della tua cittadina indifferentemente. Questa è una libertà che pochi altri lavori possono offrire.

I contro del trading online

Ma la vita da trader non è tutta rosa e fiori. Se è vero che tutti i vantaggi elencati sopra sono davvero molto allettanti bisogna prestare attenzione anche ad alcuni aspetti complessi del trading online. Al primo posto mettiamo certamente i rischi.

Il trading può essere un’attività molto rischiosa se non lo si fa con la massima oculatezza. Il proprio capitale è a rischio specialmente se si fanno operazioni complesse non alla propria portata. Tutto dipende dal proprio grado di esperienza ma in linea di massima è meglio affidarsi ad operazioni che non mettono a rischio più del 5% del capitale totale di trading. Questa è una regola che seguono anche i traders più esperti.

Come secondo “downside” vogliamo ricordare il fatto che il trading sa essere un’attività molto stressante perché siccome si mettono sul piatto i propri soldi e i propri risparmi si è portati a seguire sempre con il fiato sospeso l’andamento dei mercati. Ogni oscillazione e variazione sui prezzi va seguita, interpretata e compresa per capire se è il caso di chiudere l’operazione e continuare. Proprio per questo motivo noi siamo sicuri che questa attività non sia per tutti.

Considerazioni finali

Non è tutto oro ci che luccica, recita un antico detto. Questo vale anche per il trading online. Se intendi imbarcarti in questa avventura farai meglio a farti trovare preparato. Secondo noi è evidente che possibili vantaggi e benefici pesano molto di più dei rischi sul piatto della bilancia, ma non c’è dubbio che bisogna farsi trovare sempre pronti a far fronte a questi rischi per non subirne le conseguenze e perdere il proprio capitale di investimento.

 

Il trading online in Italia è legale? Quali consigli per investire in sicurezza?

Il trading online in Italia è un mercato sempre in grossa crescita ed espansione. Si definisce così l’attività di operazioni di investimento su mercati finanziari e asset e nel bel Paese sta riscuotendo un successo sempre crescente da diversi anni a questa parte.

Gli italiani si interessano di trading come attività lavorativa da affiancare alla normale occupazione, un settore nuovo e misterioso che cercano di indagare allo scopo di trovare nuovi sbocchi economici che permettano di allargare la cintura e conferire una maggiore capacità di spesa.

In questa breve guida vogliamo offrire alcuni elementi utili a capire come funziona il trading online in Italia e a quali normative fa riferimento. Questo è infatti uno dei settori più incompresi e pieni di disinformazione che si possano esplorare in rete. Esistono molte dicerie e luoghi comuni che sfateremo piuttosto facilmente nei prossimi paragrafi.

trading online in italia come funziona

Il trading online in Italia è legale?

I numeri del settore trading online in Italia sono positivi da diversi anni. Aumentano costantemente traders, ovvero gli operatori finanziari, e anche i broker, che sono le piattaforme dove ci si può iscrivere per cominciare ad investire.

Con la radicale diffusione di internet e con la crescente possibilità di fare investimenti anche attraverso gli smartphone sempre più persone hanno accesso ai mercati finanziari. La tecnologia ha spalancato letteralmente le porte a tutti e in futuro potrebbero esserci ulteriori passi in avanti.

Anche per questo motivo, si sollevano sempre più spesso domande come: il trading online è legale in Italia? Un po’ perché si stenta a credere che si possa guadagnare attraverso un’attività in rete, un po’ perché le regole non vengono mai chiaramente esplicitate, è naturale che ci siano persone che si fanno questa domanda, quindi cerchiamo di approfondire la questione.

Il trading online è una realtà legale nel nostro Paese

La situazione legislativa del trading online è un po’ complessa. Si tratta di strumenti finanziari messi a disposizione in rete e per questo hanno una natura molto particolare per la quale le leggi vigenti non si sono ancora adattate al meglio.

Al momento non esiste una legislazione italiana ben precisa. In altre parole non esiste una legge italiana che regola il trading in Italia, tuttavia è tollerato e non ci sono norme o regole che lo vietano. In Italia si possono fare tranquillamente operazioni sui mercati finanziari anche attraverso internet, l’importante è poi pagare le tasse sugli eventuali redditi e le plusvalenze generate.

I regolatori e legislatori del settore trading online sono internazionali e le loro regole valgono anche per i traders italiani. In realtà le internazionali sul trading non solo regolano l’operatività di chi usufruisce del servizio di trading online, ma anche quella di coloro che lo offrono come ad esempio i broker che danno la possibilità di usufruire di servizi finanziari.

Gli aggiornamenti della normativa per il 2018

Uno degli enti che vigila in materia di trading è ad esempio l’ESMA che in una recente decisione ha imposto limiti ben precisi all’attività di trading online, cancellando la possibilità di utilizzare le opzioni binarie per fare investimenti e limitando anche l’utilizzo dei CFD per rendere il mercato più equo ed equilibrato per chi fa trading online da piccolo investitore.

Le opzioni binarie sono state vietate in quanto a commercializzazione, distribuzione e vendita agli investitori al dettaglio. I CFD del trading online tradizionale hanno subito una restrizione relativa alla leva finanziaria che ora deve essere mantenuta più bassa dai broker per fare in modo che i traders retail corrano meno rischi nella loro operatività.

Fare trading online in Italia in sicurezza

Per chiudere vogliamo ricordarti alcuni principi di massima che ti aiuteranno a fare trading in Italia in piena sicurezza:

  • Scegli broker che rispettano le normative CySEC e MiFID
  • Opera sempre con una leva finanziaria bassa e contenuta
  • Non rischiare più del 5% del tuo capitale totale per operazione